I suoi antenati sono i gatti che gli antichi romani portarono in Gran Bretagna. Vissuto allo stato selvatico fino al 1800, fu in seguito selezionato fino ad arrivare allo standard di razza attuale che lo vede massiccio e con il pelo corto, molto folto e soffice. Ha degli occhi generalmente di colore arancione e molto grandi così che ne risulta esaltata l’espressività. Il muso rotondo e pieno con le guance paffute lo rendono inconfondibile. È molto robusto, un petto largo e zampe piuttosto corte.
Il carattere molto stabile lo rende adatto anche alla vita esclusivamente in appartamento; ama giocare anche in solitudine e per questo non soffre se viene lasciato da solo in casa. In presenza dei padroni, però, tende a seguirli sia per farsi coccolare che per curiosare magari sistemandosi su una poltrona o su un punto in alto da cui potere osservare agevolmente la situazione.